..

Atrio TSI

Comano,
Svizzera 

 

progetto 2007


L'idea contenuta in questo progetto tenta di esaltare le qualità spaziali dell'atrio sottolineandole anche  grazie all'eliminazione dei difetti legati al suo stato attuale.

 

Qualità spaziali:

L' atrio così come si presenta attualmente funge in modo efficace da disimpegno e articolazione tra i vari spazi e le varie funzioni che lo circondano.

Esso è inoltre dotato di una buona illuminazione naturale che, scendendo dal generoso pozzo luce centrale, accentua e valorizza la verticalità dello spazio.

 

Difetti dello stato attuale:

Attualmente l'atrio non presenta una compattezza estetica e formale coerente ed armonica:

Interventi posticci alla costruzione e disordinati; assemblaggi di materiali differenti ed incoerenti tra loro; vetustà di rivestimenti ed arredi; ecc..

Queste sue caratteristiche, oltre a conferire allo spazio un carattere decisamente disordinato, assorbono la generosa luce naturale contribuendo a far percepire l'insieme in modo decisamente inospitale.

Il progetto:

Nel tentativo di esaltare luce zenitale e verticalità dell'atrio, al centro dello spazio viene proposto un grande luminare che, partendo dall'apertura circolare sul soffitto, scende, fino a coprirlo, sull'ormai inutile vano scala.

Questo elemento, la cui forma è composta da tronchi di coni ed è costruito in tessuto, ha la funzione di distribuire e diffondere in modo omogeneo e uniforme sia la luce naturale diurna che la luce artificiale notturna.

L'elemento è scultoreo ed è pensato come un' immenso tubo catodico dal quale fuoriescono luci e figure proiettate al suo interno. Lo spazio circostante è così reso cangiante e mutevole a seconda dei bisogni e dei momenti della giornata.

Lo spazio dell'atrio è astratto e uniforme. Per omogeneizzare i differenti materiali, textures e colori esso è  interamente rivestito e dipinto di bianco. Gli angoli lisci ed arrotondati permettono alla luce di scivolare via facendo perdere le forme nei riverberi e smaterializzando lo spazio.

L' arredo è anch'esso bianco e con forme arrotondate in sintonia con lo spazio nel quale è collocato e può essere disposto in modo libero secondo i bisogni.

L' atrio, le cui dimensioni minime di passaggio attualmente esistenti vengono garantite, può essere interamente chiuso tramite porte scorrevoli al fine di poter ospitare riunioni e piccoli gruppi di lavoro.

..
..
..
..
© giacomo guidotti e riccarda guidotti – credits – contacts